Breaking Bad in realtà virtuale, Heisenberg torna in VR

breaking bad realtà virtuale

I fan di Breaking Bad attualmente possono rivivere le gesta dell’Avvocato Goodman e del bad hombre Gustavo Fring grazie a Better Call Saul, ma presto avranno la possibilità di calarsi, grazie alla tecnologia VR, nella città di Albuquerque per produrre meth insieme ad Heisenberg e ai suoi soci. Il presidente di Sony Interactive Entertainment America, Shawn Layden, ha dichiarato a Polygon che Sony Pictures e Vince Gilligan, la mente dietro il successo della serie tv su Walter White e Jesse Pinkman, stanno lavorando ad un progetto per trasformare Breaking Bad in un prodotto in realtà virtuale, da portare sulla PlayStation VR.

Come sarà Breaking Bad in VR?

La profondità psicologica dei personaggi e la ricchezza delle sottotrame, particolarmente apprezzata dagli appassionati di Breaking Bad, rappresentano il punto di partenza di un’esperienza extratelevisiva che si annuncia promettente. Il nuovo Breaking Bad in realtà virtuale non sarà un gioco ma un vero e proprio progetto post-televisivo, che sperimenterà un medium di cui non si conoscono appieno le potenzialità.

Sono pochi i dettagli emersi in questi giorni sulla riproposizione di Heisenberg in realtà immersiva, e non si sa se sarà un sequel oppure un semplice remake ma da prospettive differenti. Due certezze: il progetto sicuramente non vedrà la luce prima dell’inizio del 2018 e la piattaforma con cui si potrà vedere Breaking Bad in VR sarà la PlayStation VR, considerando la volontà da parte della Sony di diventare uno dei leader del settore, sia nel gaming sia in esperienze post-televisive.

Come potrebbe essere Breaking Bad in realtà virtuale?

Il sito Call Saul Now ipotizza un paio di possibili sviluppi della serie tv riadattata per i visori VR. Il progetto sarebbe incentrato in una rivisitazione dei momenti clou di Breaking Bad, piuttosto che nella realizzazione di nuove trame, magari parallele a quelle che hanno caratterizzato le cinque stagioni dello show. La prospettiva potrebbe essere quella di Walter White, alle prese con la produzione di meth con Jesse Pinkman all’interno del camper oppure nel grande laboratorio allestito da Gus Fring. Altra ipotesi è l’osservazione, da un punto di vista “neutrale”, dei plot twist più importanti ed emozionanti della serie tv, come la famosa scena della piscina o di quell’epocale, decisivo, incontro fra i due grandi boss che hanno fatto la storia di Breaking Bad.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*