Musica a 360° con i concerti in realtà virtuale

Molti artisti sono riusciti, grazie ai film concerto, a far arrivare le le loro performance ad un numero sempre più alto di fan, bypassando il limite fisico imposto dal luogo in cui l’evento si tiene. Stadi, arene, teatri, possono ospitare decine, in qualche caso anche centinaia di migliaia di persone, una cifra altissima, ma non paragonabile a quelle che invece è in grado di fare il cinema, che grazie alle sale sparse in tutto il mondo ha un bacino di utenza più che milionario.

vr concert concerto realtà virtualeLe possibilità offerte dal riprendere un concerto e riproporlo (in live o differita) come pellicola, sono state colte già più di qualche decennio fa: la lista di concerti diventati film o documentari (spesso grazie alla mano di maestri del cinema) è veramente lunga, e comprende artisti inarrivabili come i Beatles e Bob Dylan, e anche qualche nome italiano che con questo strumento ha stracciato diversi record. Basti pensare a Luciano Ligabue che qualche anno fa, con “Ligabue Campovolo – Il film 3D”, adattamento cinematografico di uno dei più grandi concerti mai tenuti dal rocker, è riuscito a conquistare le sale cinematografiche di tutta Italia, sbaragliando la concorrenza di pellicole ben più blasonate.

Ora che la realtà virtuale non è più una tecnologia “sperimentale”, ma un vero e proprio mercato in continua crescita, anche il mondo della musica sta guardando ad essa con curiosità: e così i film concerto, di cui si è parlato poco sopra, nei prossimi anni potranno evolversi proprio in questa direzione, dando ai fan di un artista la possibilità non solo di vedere sul grande schermo un concerto a cui non si è potuto assistere live, ma di catapultarsi a pochi metri dal palco, grazie a visori dedicati e tecniche di ripresa, sia visiva che sonora, sempre più raffinate.

Cos’è un concerto in realtà virtuale?

Un concerto in realtà virtuale basa la propria forza su due fattori essenziali: riprese a 360° ad alta risoluzione e audio 3D. Abbiamo avuto modo di parlare più volte del primo aspetto, ad esempio quando abbiamo analizzato i film in realtà virtuale: una ripresa adatta alla realtà virtuale si ottiene utilizzando speciali videocamere, a dire il vero molto costose, che sono in grado di registrare non l’immagine proveniente da un’unica direzione (in genere, frontale all’operatore), ma da tutte le parti, contemporaneamente. Si ottiene così un filmato a 360° in cui lo spettatore è libero di muoversi semplicemente ruotando la testa qualora indossi un visore VR.

vr concert realtà virtuale visoreOvviamente, se parliamo di concerti in realtà virtuale, l’audio ricopre un ruolo importante quanto il video: nel caso della VR i risultati più soddisfacenti si ottengono utilizzando il cosiddetto Audio 3D, ovvero delle registrazioni che contengono informazioni anche sulla posizione delle singole fonti sonore catturate dai microfoni. In parole povere, con l’Audio 3D, i suoni non giungeranno alle orecchie dello spettatore da un’unica direzione (come quasi sempre accade), ma verranno elaborate in base alla distanza e all’orientamento originari: nel caso di una band, per fare un esempio, la voce del componente più vicino verrà sentita con maggior volume rispetto a quella degli altri che ci sono più lontani.

Concerti VR: la musica diventa a 360°, anche in Italia

Nonostante i passi fatti negli ultimi anni, realizzare un concerto in realtà virtuale è ancora un’operazione costosa è difficile: non a caso, tra gli artisti che hanno utilizzato questo strumento, compaiono soprattutto nomi grande rilievo nel panorama della musica internazionale. L’esempio più lampante è quello dei Coldplay, che già qualche anno fa hanno realizzato una versione VR di un loro concerto, ma che nei mesi scorsi si sono spinti ancora oltre, dando vita ad un concerto in realtà virtuale live. Stiamo parlando di un evento che si è tenuto lo scorso 17 Agosto, e che è stato trasmesso in diretta: per poterne godere, bastava essere in possesso di un visore Samsung Gear VR e, ovviamente, di uno smartphone Samsung con esso compatibile. Nel caso del live streaming a 360° le difficoltà aumentano ancora di più, perchè non è data la possibilità di correggere in post-produzione eventuali errori, e perchè trasmettere in real-time video così “esosi” richiede un’ottima connessione internet.

coldplay concerto realtà virtuale vrNon solo i Coldplay, però, hanno sperimentato con la realtà virtuale: restando in campo internazionale, anche la cantante islandese Bjork ha utilizzato la VR per i propri lavori musicali. In Italia, invece, la startup romana Oniride ha collaborato nel 2016 con Coez, noto cantautore italiano, per registare a 360° stralci di un suo concerto di cui godere con un visore VR.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*