Recensione Microsoft HoloLens, il visore più avanzato (e costoso) del momento

Microsoft HoloLens è un visore che, per molti aspetti, appartiene ad una categoria superiore rispetto a tutti gli altri headset attualmente in circolazione. Parlando di visori top di gamma, infatti, viene naturale parlare di Oculus Rift e HTC Vive, due dispositivi per la realtà virtuale in grado di offrire un’esperienza di gioco (e non) difficilmente eguagliabile. Raramente si parla invece di HoloLens, ed è facile intuirne il motivo: il visore di Microsoft, fino a pochi mesi fa, era disponibile alla vendita in pochissimi paesi e, anche dopo il suo arrivo in numerosi altri mercati, è rimasto comunque un device per pochi, visto il prezzo superiore ai 3000 euro.

C’è da dire che, se è vero cheMicrosoft HoloLens costa fino a dieci volte in più dei suoi rivali, è altrettanto vero che con essi condivide poco o nulla. Innanzitutto, HoloLens è un visore stand-alone, che non necessità cioè di un computer a cui essere collegato: niente cavi dunque, dato che l’intero hardware è all’interno dell’headset. Inoltre, il visore di Microsoft non è pensato per il gaming (o meglio, esclusivamente per il gaming) e non è semplicemente una periferica (quale, con i limiti del caso, possono esser Rift e Vive) ma un vero e proprio smart device che esprime tutto il suo potenziale in ambito produttività.

Microsoft HoloLens, vale davvero il suo prezzo?

Microsoft HoloLens è un gioiello di tecnologia che, in appena 579 grammi, racchiude un potente computer indossabile in grado di portare la realtà aumentata nella vita di tutti i giorni. A reggere il tutto c’è un processore Intel Atom X5-Z8100, quad-core a 1.04 GHz, affiancato da un GPU custom di Intel e da 2 GB di RAM: una configurazione che, sulla carta, potrebbe forse sembrare di basso livello, ma che grazie ad un’ottimizzazione impeccabile permette a HoloLens di essere il visore più potente e scattante del momento. Le immagini elaborate vengono proiettate su due lenti olografiche see-trough da due motori luce HD 16:9, con una risoluzione pari a 2,3 milioni di punti luce. Per chi non è molto pratico di olografia, questi dati potrebbero quasi sembrare incomprensibili: in parole povere, Microsoft HoloLens non usa display tradizionali (con risoluzione in pixel), ma speciali proiettori che, gioco di parole inevitabile, proiettano le immagini direttamente sulle lenti. Tali lenti, chiamate see-trough (letterlamente, vedi attraverso), non sono opache, ma permettono di vedere anche la realtà circostante.

microsoft hololens usingL’effetto ottenuto è radicalmente diverso a quello che si ha con i classici visori VR, che isolano l’utente: HoloLens, invece, permette di vedere sempre ciò che ci circonda, possiamo quasi dire arricchendo la realtà con elementi AR elaborati e proiettati sulle lenti. Tale soluzione permette, tra l’altro, di abbattere enormemente il senso di nausea dato dalla motion-sickness, fastidio totalmente assente su Microsoft HoloLens. Da un punto di vista pratico, l’esclusiva tecnologia di HoloLens si traduce in un campo di applicazione molto diverso, e solo in piccola parte sovrapponibile, a quello dei classici visori VR. Se Oculus Rift e compagnia sono dispositivi che trovano il loro habitat naturale nel gamign, HoloLens è un dispositivo più professionale, nel senso letterale della parola: il visore di Microsoft è stato concepito come uno strumento 3.0 da mettere in mano ai professionisti di ogni settore, per aumentare la produttività delle aziende e, in un futuro più o meno lontano, semplificare la vita di milioni di utenti.

Ad oggi il limite più grande di HoloLens è il prezzo: in Italia viene commercializzato in due versioni, una Development Edition, dal costo pari a 3299 euro, e una Commercial Suite venduta invece a 5489 euro. Cifre sicuramente fuori mercato, e non alla porta di chi vorrebbe acqusitare HoloLens per semplice diletto. Si vocifera che una seconda versione, destinata al mercato consumer, sia già in lavorazione, e che potrebbe debuttare con un prezzo sensibilmente ridotto (ma comunque lontano da quello raggiunto da altri visori). E’ sbagliato, però, considerare il prezzo un difetto di HoloLens: si tratta comunque di un visore pronto all’uso, che non necessita nemmeno di camere o sensori esterni (il sistema di tracciamento è integrato e sorprendetemente preciso) e dalle potenzialità superiori a quelle di qualsiasi altro visore in commercio. Basti pensare al sistema di controllo, che si avvale di comandi vocali, gesture con le mani e di un controller dedicato, incluso in confezione.

  • Che cos’è Microsoft HoloLens? Microsoft HoloLens è un avanzato visore stand-alone sviluppato da Microsoft e ottimizzato per la realtà aumentata in campo professionale.
  • Quanto costa Microsoft HoloLens? Microsoft HoloLens è disponibile in due versioni, una Development Edition che costa 3299 euro, e una Commercial Suite dal prezzo pari a 5489 euro.
  • Dove posso acquistare Microsoft HoloLens? Microsoft HoloLens è acquistabile dallo store ufficiale Microsoft.
  • Cosa posso fare con Microsoft Hololens? Microsoft HoloLens permette di navigare, consultare tutorial e molto altro, semplificando il multi-tasking offerto dalla realtà aumentata.

Microsoft HoloLens

3249 euro Development Edition; 5489 euro Commercial Suite
9.4

Comodità

10.0/10

Qualità di visione

10.0/10

Prezzo

8.0/10

Packaging

10.0/10

Titoli disponibili

9.0/10

Pros

  • Comodità
  • Numerosi campi di utilizzo
  • Prestazioni
  • Qualità dell'esperienza utente

Cons

  • Prezzo elitario
  • Pochi titoli disponibili