Recensione Pimax 8k: un passo in avanti rispetto ad HTC e Oculus

Una delle più attese presentazioni al CES 2018 di Las Vegas è stata sicuramente quella di Pimax. L’azienda asiatica ha presentato il suo nuovo bolide virtuale. Pimax 8K si presenta come la nuova frontiera della realtà virtuale, il visore VR che cambierà in meglio l’esperienza ludica sopratutto grazie alle nuove specifiche tecniche.

Campo visivo aumentato, risoluzione migliorata e altro ancora per il nuovo Pimax 8K

Pimax 8K avrà un nuovo tipo di lenti che permettono di raggiungere un FOV di 120° in orizzontale e 200° in verticale. Il campo visivo che propone il nuovo visore di realtà virtuale si avvicina di molto a quello dell’occhio umano arrivando a cancellare quasi totalmente i bordi neri visibili sugli altri visori VR attuali. Bisognerà vedere se l’aumento del campo visivo non comporterà problemi di immagini o refresh rate che è bloccato a 90Hz.

L’azienda asiatica sembra voler ovviare a questo tipo di problemi con la tecnologia Brainwarp in grado di abbassare la latenza e aumentare il frame rate fino a 150/180Hz anche con PC di fascia media. Il Pimax 8K, infatti, ha come requisiti minimi un PC che abbia almeno una scheda video 980/1070 GTX. Questo significherebbe che, per sfruttare al massimo le capacità del visore, bisognerebbe possedere una 1080Ti o le nuove schede video nVidia con tecnologia Volta: forse è per questo che hanno rimandato l’uscita verso il secondo trimestre del 2018?

Un’altra novità introdotta da Pimax è sicuramente la risoluzione del visore. Pimax 8K, contrariamente a quello che dice tale nome, monterà due display da 3840×2160, ovvero due schermi in 4K. La risoluzione aumentata ha lo scopo di ridurre il fastidioso Screen Door Effect, quella zanzariera che noi percepiamo in un HTC VIVE piuttosto che in un Oculus Rift. In poche parole l’SDE ti fa notare la griglia scura che è attorno ad ogni singolo pixel dello schermo. Una risoluzione in 4K riuscirà rendere non facilmente distinguibili i singoli pixel, tuttavia sarà difficile inviare al visore un’immagine ad altissima risoluzione. Pimax 8K sarà accompagnato da due motion controller simile a quelli del VIVE, e delle base station per il rilevamento dei movimenti.

Un trasmettitore wireless per Pimax 8K?

Durante presentazione al CES 2018 dell’HTC VIVE PRO è stato presentato un trasmettitore wireless made in HTC che permette di giocare in realtà virtuale senza l’uso di cavi ma soltanto con un dispositivo attaccato sul casco del visore. Sembra che di recente l’azienda asiatica abbia preso le contromisure inserendo sul loro sito alcuni accessori da integrare al Pimax 8K. Questo è stato sicuramente reso possibile grazie ai goal raggiunti con la campagna di Kickstarter. Tra i nuovi accessori che saranno disponibili troviamo:

  • un trasmettitore wireless simili a quello di HTC
  • un sistema di ventole per mantenere una temperatura adeguata nella zona frontale
  • un sistema di eye tracking per rilevare lo spostamento oculare
  • un hand motion tracking per rilevare il movimento delle mani

Il parco titoli che verrà proposto è sicuramente tra i migliori. Il nuovo Pimax 8K è compatibile con la piattaforma di Steam e di Oculus. Se ciò non bastasse l’azienda aprirà una piattaforma multimediale personale con un ulteriore parco titoli.

  • Che cos’è Pimax 8K? Pimax 8K è un visore di realtà virtuale con un FOV e una risoluzione superiore alle media.
  • Quando potrò acquistare Pimax 8K? l’uscita del nuovo Pimax 8K è stata rimandata al secondo trimestre di questo anno.
  • Quanto costa Pimax 8K? Attualmente non abbiamo nessuna notizia circa il prezzo del visore.
  • Cosa potrò fare con Pimax 8K? Il visore di Pimax si presta a tutti i possibili usi attuali che può avere un visore di realtà virtuale. Tutti i programmi e giochi che si possono usare saranno reperibili nelle piattaforme multimediali di Pimax, Steam e Oculus.